Vai ai contenuti

Menu principale:

SERVIZI > Archivio

Il progetto si rivolge alla popolazione di Municipi VI, IX, XI,XII afferenti alla ASL RMC e prevede una durata di un anno. Il progetto è realizzato in una logica di interazione e integrazione con i servizi del privato e del pubblico che si occupano di gioventù.

Destinatari diretti del progetto sono i giovani che frequentano le scuole e le associazioni territoriali dei Municipi coinvolti, con un’età compresa tra i 12 e i 24 anni, a rischio di entrare in contatto con le problematiche relative alla tossicodipendenza e a comportamenti devianti.
Destinatari indiretti del progetto di Prevenzione sono gli insegnanti, gli operatori socio-sanitari del settore pubblico e privato, di cooperative e associazioni, nonché Ser.T., Consultori e Servizi Sociali, da formare e coinvolgere attivamente in ogni fase dell’intervento.


Il progetto permette di:

Accogliere i giovani all’interno del centro di Prevenzione al fine di effettuare un’analisi del problema, fornire informazione e consulenza sulle opportunità formative e/o professionali, orientare ed inviare ai servizi sociali e sanitari, ove necessario;

Sostenere le scuole nelle attività di educazione alla salute e prevenzione di comportamenti devianti; permettere ai ragazzi di essere protagonisti nella costruzione di un percorso “tra pari e per pari” di prevenzione all’uso di sostanze sia negli istituti scolastici sia nei luoghi di aggregazione giovanile, attraverso il metodo della Peer-education;

Promuovere azioni di sensibilizzazione tra i giovani sui rischi legati all’assunzione di sostanze stupefacenti;

Implementare lo sviluppo delle competenze personali e sociali dei ragazzi

Valorizzare il bisogno di informazione e comunicazione dei giovani anche con interventi per gli adulti di riferimento (genitori, insegnanti, ecc.)

Promuovere azioni di sensibilizzazione tra i giovani sui rischi legati all’assunzione di sostanze stupefacenti;

Il progetto “Prevenzione giovani e Peer-education” attuato dall’Agenzia Comunale per le Tossicodipendenze del Comune di Roma, finanziato dalla Regione Lazio con DGR 233/2009 è affidato per la sua realizzazione alla Cooperativa IBIS e all’Associazione di Volontariato A.G.La.S.T.

Le fasi di intervento nelle scuole prevedono:

   * la sensibilizzazione nelle classi individuate per attivare e coinvolgere i ragazzi sulle tematiche del Progetto. Si utilizzano questionari e altri strumenti predisposti grazie alla nostra collaborazione con alcune cattedre universitarie, utili a fornire, oltre che le caratteristiche e i numeri del fenomeno, una mappatura sui giovani che sceglieranno di diventare peer-leader.

   * la formazioneprevede degli incontri preparatori anche all’organizzazione di alcuni eventi fuori e dentro la scuola nei quali è previsto una fase di tutoraggio rispetto alle iniziative promosse dai giovani coinvolti.




Inoltre sono previste attività di:

   * invio dei ragazzi al Centro di Prevenzione per accedere al Servizio di consulenza e orientamento e ai laboratori ludico-ricreativi di riferimento.
   * supporto alla partecipazione attiva dei ragazzi alle varie attività del suddetto Centro (informazione, messa in rete con il territorio)
   * organizzazione di eventi in cui i ragazzi saranno protagonisti: (mostra fotografica, messa in scena di opera teatrale, discussione sulla visione di film, proiezione di un filmato realizzato dai giovani partecipanti al centro
   * organizzazione di incontri per gli adulti di riferimento dei ragazzi (operatori, genitori)
   * organizzazione di Eventi Finali previsti nell’ottica di diffondere il modello acquisito dal gruppo dei Peer Leader sui coetanei del territorio del quadrante della ASL RMC


La metodologia utilizzata sarà quella della Peer Education.
La Peer Education è una strategia volta ad attivare un processo naturale di conoscenze, emozioni ed esperienze da parte di alcuni membri di un gruppo di pari status, i quali operano attivamente per informare e influenzare gli altri coetanei.

Il modello di riferimento utilizzato dagli operatori è quello sistemico-relazionale che utilizza tecniche di role playing, circle-time, simulate, attivazione di gruppo, osservazione delle transazioni relazionali, giochi di comunicazione.

L’equipe degli operatori di entrambi gli enti è composta da psicologi, psicologi-psicoterapeuti, educatori professionali, operatori sociali e di base.

Le attività previste si svolgono di mattina per l’intervento all’interno delle scuole e i contatti con la rete dei servizi territoriali.

Per quanto concerne le attività del pomeriggio è aperto presso la Coop Ibis in Via Pisino 55, il Centro di Prevenzione nei giorni di Martedì, Mercoledì e Venerdì dalle 15.00 alle 20.00.
Per i contatti telefonici con la Coop Ibis, gli utenti possono telefonare ai numeri di telefono 06/25209277 e 06/21809779 e di cellulare 393/9038390, o recarsi presso la sede di Via Pisino, 55 e/o contattarci tramite il sito internet http://www.ibiscoop.it o scrivendo una mail all’indirizzo
info@ibiscoop.it.

Dal mese di Ottobre 2010 i giovani delle scuole che hanno aderito al Progetto e i giovani dei Municipi afferenti al territorio della A.S.L. Rm C, nei giorni di
Mercoledì ore 17-19 e di Giovedì e di Venerdì ore 16-18, possono accedere ai laboratori (di musica, yoga, fotografia, teatro, torneo di calcetto e cineforum) presso le strutture dell’ Associazione A.G.La.S.T. in Viale della Venezia Giulia, 77 – 00177 Roma Tel.Fax 06/2596688 e 06/25390585, sito internet http://www.tiscali.it/aglast, o scrivendo una mail all’indirizzo
aglast@tiscalinet.it

Via Pisino,55
00155
Roma
+39 06 2180977
+39 06 2180977 (fax)
Torna ai contenuti | Torna al menu